Microsoft Silverlight 2.0 RTM, support per Eclipse, port su Symbian. Poi?

Ok anche questa volta penserete allo scherzo ma no, non lo è nemmeno in questo caso. Scott Guthrie, oltre ad aver appena annunciato via conferenze telefonica che domani (14 ottobre 2008) vedrà la luce la versione RTM di Silverlight 2.0, ha dato la notizia che la piattaforma di sviluppo offerta da Eclipse sarà supportata, seppur non direttamente, per la creazione di applicazioni Silverlight:

Microsoft announced plans to support additional tools for developing Silverlight applications by providing funding to Soyatec, a France-based IT solutions provider and Eclipse Foundation member, to lead a project to integrate advanced Silverlight development capabilities into the Eclipse IDE. Soyatec plans to release the project under the Eclipse Public License Version 1.0 on SourceForge and submit it to the Eclipse Foundation as an open Eclipse project.

Potete trovare maggiori dettagli in questa pagina fresca di pubblicazione, inoltre è stato reso noto il sito Eclipse Tools for Microsoft Silverlight su cui è già online e disponibile per il download una prima alpha del plugin per Eclipse con dettagli e istruzioni su alcune modalità di configurazione. Nella stessa pagina si può notare anche una curiosa nota: Windows XP SP2 (or above) or Windows Vista SP1 - Other OS are planned for future versions. In effetti mi chiedo quanti sviluppatori .NET su Windows usino Eclipse, considerazione che riporta un po' tutti con i piedi per terra, però quel futuro supporto per altri sistemi operativi... mah, chissà...

Ad ogni modo l'altra notizia (di cui non ci sono ancora testimonianze ufficiali scritte mentre sto scrivendo) è che a quanto pare Microsoft e Nokia lavoreranno per portare Silverlight su piattaforma Symbian.

Per ora sembrerebbe non esserci altro. E dire che il PDC 2008 è tra meno di quindici giorni...

Microsoft e jQuery (sembra uno scherzo, ma non lo è)

Risale a qualche minuto fa la notizia che Microsoft ha stretto una partnership con il team di jQuery non solo per supportare ufficialmente questa libreria all'interno dei suoi prodotti di sviluppo come Visual Studio 2008 e la versione free di Visual Web Developer ma anche per distribuirla in alcune sue librerie web-oriented come l'ormai prossima ASP.NET MVC o AJAX Control Toolkit. Il supporto negli ambienti di sviluppo sarà fornito inizialmente da un pacchetto scaricabile gratuitamente nelle prossime settimane mentre in futuro sarà integrato direttamente in Visual Studio. Vorrei citare solo due passaggi, il primo dal blog di Scott Guthrie che riporta l'annuncio:

We will distribute the jQuery JavaScript library as-is, and will not be forking or changing the source from the main jQuery branch.  The files will continue to use and ship under the existing jQuery MIT license.

Il secondo invece arriva dal post di Scott Hanselman (e che in effetti riassume uno dei principali motivi per cui questo annuncio mi ha stupito):

Folks have said Microsoft would never include Open Source in the platform, I'm hoping this move is representative of a bright future.

Ecco i rispettivi annunci ufficiali da parte di Scott Guthrie e John Resig (il quale estende la notizia riportando anche la collaborazione ufficiale di jQuery con Nokia).

.NET Framework 3.5 e i suoi sorgenti... senza Reflector...

Oggi Scott Guthrie, general manager della Divisione Sviluppo di Microsoft, ha rivelato una notizia particolarmente inaspettata che ha colpito la comunità di .NET come un fulmine a ciel sereno con una novità che avrà sicuramente una rilevanza enorme per chi sviluppa abitualmente in questo ambiente: con il rilascio di .NET Framework 3.5 e la concomitante uscita di Visual Studio 2008 RTM (ex Orcas) saranno resi disponibili i sorgenti delle librerie della BCL di .NET Framework dietro licenza MS-RL, il tutto accompagnato dal codice di altre componenti molto importanti dello stack di sviluppo .NET quali ASP.NET, Windows Forms, ADO.NET e Windows Presentation Foundation. Altre tecnologie, come LINQ e Windows Communication Foundation, arriveranno nei mesi successivi. I sorgenti saranno scaricabili manualmente attraverso un download apposito oppure Visual Studio sarà in grado di caricare automaticamente sia i simboli che i sorgenti via web se ritenuti necessari durante la fase di debug di un'applicazione. Proprio qui si trova la grande differenza con il poter banalmente vedere i sorgenti delle librerie decompilandoli con Reflector: con VS 2008 sarà possibile eseguire delle sessioni di debug step-by-step addentrandosi nei sorgenti delle librerie di .NET, ripercorrendo nel callstack tutto il flusso di esecuzione fin là dove prima non era consentito... e scusate se è poco. Scusate se è poco anche un altro dettaglio non indifferente: poter conoscere gli internals delle librerie può portare a un grande valore aggiunto nell'ottica dell'ottimizzazione e di un migliore utilizzo delle stesse. Ovviamente potete trovare maggiori dettagli nel messaggio di Scott. L'annuncio di oggi è l'ennesimo tassello che conferma la mia impressione di una Microsoft in preda a correnti interne differenti e molto contrastanti tra loro.

Microsoft vs. Adobe: questioni di tecnologia o di simpatia?

Credo sia piuttosto evidente come di fatto il mercato delle applicazioni RIA sia attualmente un monopolio pressoché esclusivo di Adobe, tuttavia sono abbastanza convinto che la discesa in campo prepotente (tecnologicamente parlando) di Microsoft con Silverlight in questo settore sia destinata a far cambiare un po' l'attuale assetto di questo mercato. Non mi sto immaginando clamorosi ribaltamenti di fronte o sconvolgimenti incredibili, soprattutto non nell'immediato (mi ritengo realista e molto pratico), però è innegabile che nel fianco di Adobe si sia conficcata una fastidiosissima spina che tra l'altro ha già cominciato a creare un pò di prurito. Da parte di Adobe stessa arriva la mossa strategica, pochissimi giorni prima del MIX07 di Microsoft, di rendere FLEX open source e il fatto che si tratti più che altro di strategia è a parer mio piuttosto evidente poiché, pur trattandosi di un evento indubbiamente molto interessante (ben venga!), nella realtà il cuore della tecnologia e nello specifico il runtime Flash continuerà, almeno per ora, a rimanere chiuso e ben protetto. Ci sono tuttavia altri indizi che dimostrano un certo fastidio nel mondo Flash, questa volta da parte di un FLEX Evangelist che lavora per Adobe e che ha deciso di scrivere la sua sul confronto che si prospetta tra Flash e Silverlight. Riporto qualche stralcio giusto per commentare...

Leggi il resto di questo messaggio »

Nel kernel di Windows Vista - terza parte

Mi sono accorto solamente ora di essermi clamorosamente dimenticato il mese scorso della terza e ultima parte degli appuntamenti con Mark Russinovich e la sua panoramica su alcune delle novità più importanti introdotte a livello di kernel in Windows Vista. In questo terzo appuntamento Mark ci parla di affidabilità, ripristino e protezione con gestione delle transazioni a livello di kernel, supporto migliorato nella gestione di arresti anomali del sistema, copie shadow (già presenti in Windows XP, estese in Windows 2003 Server e migliorate in ambito client con Windows Vista), BitLocker, verifica dell'integrità del codice e ASLR, processi protetti e infine protezione dei servizi. Anche se un pò in ritardo, buona lettura!