Archivio per la categoria "Techworld"



About to buy a DSC-RX100? Sony will announce its successor soon.

NOTE: this post is unusual for my almost-abandoned blog: it's written in English instead of Italian and it's about photography instead of software development or computer programming. Think of it as an experiment (or an attempt) to resume blogging.

As an happy owner of the DSC-RX100 I can't deny that the news that Sony is about to announce a revised version of this high-end and enthusiast-oriented compact camera on 27th June (namely the DSC-RX100M2) has caught my attention. Actual details about this camera come from its recently leaked Japanese user manual. The great Sony Alpha Rumors blog spotted the rumor first and they recently confirmed it by publishing a bullet-point list of changes extracted from the above mentioned manual, I simply reused their list in this post to add my own considerations but credits for the actual news go to them.

Let's start with the list of improvements of the DSC-RX100M2:

  1. Exmor R (BSI) sensor
    It sports the same size and resolution of the previous Exmor CMOS sensor (1" and ~20 megapixels) but that R indicates it's now back-illuminated. This may be nice news but the BSI technology is said to be mostly useful on sensors with a photosite size equal or less than 1.75µm (usually on 1/2.3" sensors or smaller) while the size of the photosites of the RX100 is 2.4µm. I guess we can't really say anything without seeing the actual RAW output first.
  2. Wi-Fi 802.11b/g/n
    This is not something I miss and I'd be inclined to classify this addition as typical P&S gadgetry, unless it allows for some kind of remote shutter release control of some kind, but I highly doubt it and I don't see any indication of it.
  3. NFC
    I suppose this is solely meant to easily configure Wi-Fi connectivity for transferring photos to other devices such as smartphones. See above.
  4. Multi Interface Shoe and EVF support
    The MIS is a proprietary camera hotshoe system (21+3 pin) introduced by Sony in late 2012. Besides the dedicated Sony accessories, it can drive ISO flashes. It will also make it possible to use an external electronic view finder which is definitely a nice addition albeit the recommended retail price of $/€ 449.99 for the FDA-EV1MK (the same EVF for both the DSC-RX1 and DSC-HX50V) does hurt.
  5. Mini-HDMI has been moved from bottom to side, next to Micro-USB
    Surely OK, actually they should have positioned it like that since start, but how many times do you film/shoot with the camera while attached to a TV?
  6. Improved battery life, from 330 to 350 shots (CIPA)
    Even slight improvements are yays in the battery life department to me, but I can easily get a full day of shooting with the current RX100 and I prefer to have a spare battery with me anyway, so it's not something that would affect me much in practice. The battery remained the same NP-BX1 which is good.
  7. ISO starts from 100 instead of 125
    I suppose they are referring to native ISO since the current RX100 can go as low as ISO 80 and 100 through expansion.
  8. Control ring can be set to smooth or click
    This improvement is big if you listen to most of the complaints over the internet about the control ring being clickless, which makes setting certain parameters such as ISO levels almost impossible without looking at the display if you have sounds turned off as I do. Luckily for me I like having the control ring assigned to manual focus operations where a smooth ring is actually better, so I'm not affected that much.
  9. Movie button can be disabled
    The dedicated movie button is handy and it proved to be so in a few real-life occasions, but sometimes it can be accidentally pressed. It happened a couple of times to me, but I still prefer to have it enabled to catch those unexpected moments instead of having to manually switch the camera to video mode which takes more time.
  10. 24p option for movies
    The original RX100 is already quite capable for shooting videos but having the added ability to record them in 24p is nice.
  11. White balance bracketing
    This is hardly useful when capturing images in the RAW format as you can adjust the WB later, but when shooting with multi-shot noise reduction or automatic HDR (both are only able to output JPG files for obvious reasons) this can be useful. Personally I'd have vastly preferred a more flexible exposure bracketing system than the current one which uses 3 exposures at only 0.3EV or 0.7EV intervals.
  12. Improved in-camera battery recharge times
    The charging current has been increased from 0.5A to 1.5A (approaching the 1.89A limit of the NP-BX1 battery), this should translate to 3 times faster charging times. While 99% of the time I use an external battery charger which offers faster charges, having the ability to charge the battery in-camera via USB is still useful and being able to do it faster is great.
  13. Tilt screen
    This is a great addition with the downside of making the camera slightly thicker (only 2.4mm), but that shouldn't affect by much its jeans-pocketabily. The tilt system being used looks similar to the one adopted for the NEX-3N.
  14. Weight increased from 240g to 281g
    Finally, this is the price to pay for these physical improvements in terms of weight.

Now let's see what didn't make it in this revision compared to what people kept whining about:

  1. First of all, for those wanting both a wider lens but faster at the telephoto end it's been confirmed that such a thing won't happen: the lens is still a Vario-Sonnar T* 28-100mm (35mm equiv.) f1.8/4.9. Honestly I think far too many people keep demanding the impossible in terms of lens performances out of such a compact package. It's most likely impossible to achieve a wider lens (many ask for 24mm!) keeping its f1.8 capabilities when the original RX100 already suffers from soft edges at 28mm due to barrel distortion corrections, and a faster lens at telephoto would surely require a different disposition of the optical groups. I'm also ignoring absurd requests for powerful zoom capabilities going up to say 140mm. At this point, and with a sensor of that size, almost nothing can be sensibly improved in terms of lens performances without affecting the whole package size.
  2. No integrated GPS. I find it useless anyway as it adds burden to the battery, personally I'm more than satisfied with using my TranSystem iBlue 747A+ GPS logger (now superseded by a newer model) to log all of my trips: I keep it always on when out for the whole day up to five days without worrying about battery, it's fast to lock satellites and it's probably way more precise than any built-in GPS. The obvious downside is that you must manually synchronize the internal camera time with the GPS time (you actually need to do that only once in a while) and you must geotag your shots later, but GeoTag makes it easy to do that in bulk from a GPX file and can write EXIF data to JPG, RAW files of various vendors and XMP files.
  3. On-sensor phase-detect autofocus. That's simply not gonna happen, not even the DSC-RX1 has it.
  4. No hand grip or rugged surface for a more secure handhold. This can be easily worked around using third-party accessories, personally I don't feel the need for it.
  5. No signs of the new JPEG engine that promises an improved compression quality. This engine will debut on Sony's new Xperia flagship device (C680X code-named Honami) and will also be used on cameras starting with the SLT lineup through a firmware update. I find the current JPEG engine used by Sony to perform poorly compared to the output generated by other vendors.

All in all some of the improvements over the original DSC-RX100 are nice, but as a whole they are probably not worth the upgrade for anyone already owning it as they seem to be mostly targeted to satisfy those finding this camera lacking due to the absence of a tilt screen or an EVF-capable hotshoe.

Personally I'd be more interested in the new sensor if it proves to yield higher SNR ratios translating to visibly better outputs in low-light conditions and with less noise at high ISO levels, but I guess this is unlikely happen to an appreciable degree (we won't get a whole stop of advantage). I find it very disappointing that the maximum shutter speed remained at 1/2000th second making wide apertures in strong sunlight a bit problematic, especially since there's no built-in ND filter. Also, the EB is still limited to 3 exposure at 0.3EV or 0.7EV intervals.

Conclusions? Revision or not, the DSC-RX100 (with its flaws and compromises, just like any camera) provides the best IQ in such a pocketable package and competition has yet to announce a product comparable when combining performances and size.

Slax6

SLAXDa qualche settimana è stata rilasciata la sesta versione stabile di Slax, una distribuzione Linux creata espressamente per essere installata su chiavette USB per un'estrema mobilità. Come dice il motto: il tuo sistema operativo tascabile. Finalmente ieri sera ho trovato il tempo per aggiornare la versione 6.0 RC6 che avevo installato sulla mia pendrive MyFlash da 512MB con la recente versione 6.0.2 e devo dire che il tutto risulta molto più stabile pur non essendo esente da qualche glitch e bug qua e là, comunque complimenti a Tomáš per questa release.

L'utilità di Slax è indubbia: con una pendrive di piccole dimensioni (anche da 256 MB dal momento che la distribuzione di base occupa solamente 190 MB) si ha a disposizione un sistema operativo relativamente completo e intuitivo, anche grazie ai software già presenti nella suite KDE di cui attualmente è inclusa la versione 3.5.9, ma che può essere esteso facilmente attraverso il caricamento di moduli lzm aggiuntivi anche nel corso dell'esecuzione stessa del sistema. Ovviamente possono esservi delle esigenze particolari che Slax di base non può soddisfare e per le quali occorre mettere mano al sistema, del resto i compromessi sono necessari quandi si gioca al ribasso con le dimensioni del sistema.

Per uno come me, a cui spesso capita di incappare in contenuti scritti in giapponese, la rimozione dei font asiatici nella versione stabile di Slax può rappresentare un problema anche se di banale risoluzione: nel mio caso è bastato scaricarli e aggiungerli in un modulo lzm che li caricasse nella directory dei font TTF all'avvio del sistema. La creazione di un semplice modulo partendo da una directory con i file già disposti in una struttura uguale a quella del sistema è piuttosto banale grazie all'utility da riga di comando dir2lzm o alla relativa voce presente nel menù contestuale di KDE. Un altro problema nell'ottica della visualizzazione dei caratteri di lingue orientali o più in generale non latini è rappresentato dal modulo italian.lzm, scaricabile a parte dal sito, che offre la localizzazione del sistema in italiano configurandolo tuttavia con il charset ISO-8859-1 quando in realtà UTF-8 sarebbe decisamente più adeguato in situazioni simili. In questo caso è stato necessario creare il locale it_IT.UTF-8 utilizzando localedef per poi rifare il modulo italian.lzm (estraendone i contenuti con lzm2dir) affinché ne includesse il risultato, infine ho dovuto modificare lo script /etc/profile.d/lang.sh affinché esportasse direttamente le variabili LANG e LC_ALL valorizzate con it_IT.UTF-8 anche se devo ancora verificare se c'è un modo migliore senza toccare questo script. Il resto è semplicemente questione di impostare correttamente l'encoding di applicazioni KDE come Konsole ma anche di quelle eseguite nel terminale come ELinks o weechat (entrambi supportano Unicode, basta configurarli correttamente), memorizzandone poi i relativi file di configurazione in un modulo a parte. Nonostante sia possibile eseguire Slax con l'opzione di boot changes che, grazie ad aufs, permette di memorizzare in una directory o in un file tutte le modifiche effettuate durante una sessione live del sistema, personalmente per tutte le configurazioni di KDE o delle applicazioni che per me sono particolarmente ricorrenti preferisco usare modulo lzm dedicato, permettendomi di portare più facilmente le stesse su più chiavette o di averne un backup più comodo (anche se a ogni modifica da tenere sono costretto a rifare il modulo stesso, operazione veloce ma comunque più scomoda anche se ormai non troppo frequente).

Attualmente sul sito non ci sono molti moduli ma sul forum è possibile trovare qualcosa in più realizzato dagli utenti, fortunatamente però la loro creazione in totale autonomia spesso non è un'operazione troppo complessa soprattutto se si parte da un pacchetto tgz per Slackware 12, distribuzione su cui è basata Slax6. In questo caso gli ingredienti necessari sono rappresentati dal pacchetto tgz da convertire in lzm, l'utility tgz2lzm inclusa di default in Slax e un po' di attenzione per le eventuali dipendenze necessarie all'esecuzione dei programmi. Per esempio la creazione del modulo lzm per Opera 9.26 partendo dal tgz per Slackware 12 è molto semplice: da terminale, il comando tgz2lzm opera-9.26-i486-1kjz.tgz opera-9.26-i486-1kjz.lzm si occuperà di generare il vostro modulo pronto per l'installazione live o per essere memorizzato sulla vostra chiavetta USB nelle directory modules (per i moduli da caricare automaticamente all'avvio del sistema) o optional (dove memorizzare tutti gli altri moduli che possono tornare utili, più che altro una convenzione in questo caso). Nel caso di altri programmi che richiedono determinate dipendenze occorre verificare e scegliere come agire, per esempio ELinks vuole la libreria libjs.so che è disponibile tramite SpiderMonkey per cui le possibili soluzioni sono due:

  • creazione di due moduli, uno per ELinks e uno per SpiderMonkey, da caricare separatamente.
  • creazione di un modulo custom per ELinks che contenga direttamente libjs.so.

Di norma preferisco tenere in un modulo separato le dipendenze che possono essere ricorrenti o richieste da altri software e unire nello stesso modulo quelle più rare, ma diventa anche una questione di preferenze. Con altre utility c'è la possibilità di creare moduli lzm partendo anche da pacchetti deb o rpm, ma non è certo la soluzione migliore dal momento che le differenze dettate dalla natura dei pacchetti di origine e dei sistemi target degli stessi potrebbe introdurre qualche noia di troppo.

Tutto sommato Slax6 sta mantenendo le aspettative delle precedenti RC pur necessitando ancora di lavoro. Sicuramente il fatto di essere un sistema basato su KDE la rende una distribuzione live che necessita di scendere a qualche compromesso per un'esecuzione ottimale quindi non è particolarmente consigliabile l'esecuzione su computer vecchi e/o con poca RAM (credo che un minimo veramente accettabile sia 128 MB), inoltre il sistema a moduli può essere comodo e facile da utilizzare ma al tempo stesso difficoltoso da mantenere per le varie dipendenze, non esistendo un sistema stile Apt o Yum che le gestisca. Tutto sommato però trovo che per il suo scopo principale, ovvero l'esecuzione live da pendrive USB di un sistema piuttosto completo, Slax abbia una marcia in più rispetto ad altre soluzioni.

Inchiodare e recuperare La Fonera 2200 in tempi da record

Mercoledì mi è arrivato un access point La Fonera 2200 (ovvero l'ultimo modello attualmente disponibile) dopo averlo recuperato da una persona che ne aveva uno di troppo e non sapeva che farsene. Inutile dire che non sapevo cosa farne delle funzionalità offerte dal firmware originale Fon per cui ho provveduto a sostituirlo subito con DD-WRT. Non intendo soffermarmi su metodi e opzioni per flashare la vostra Fonera con firmware alternativi perché per internet potete trovare tanta documentazione da avere solo l'imbarazzo della scelta (per andare a colpo sicuro vi rimando a un articolo piuttosto recente di WiFi-ita inerente proprio DD-WRT), piuttosto vi racconto cosa mi è successo che può essere una casistica un po' più interessante.

Partirò dalla morale della storia: se avete il modello 2200 con installata una delle ultime release di DD-WRT (v24 RC6 nel mio caso), prima di effettuare le operazioni di abilitazione e pulizia della partizione JFFS pensateci due volte perché parrebbero esserci problemi, una circostanza che posso confermarvi personalmente dal momento che si tratta dell'operazione che mi ha "consentito" di inchiodare La Fonera nel giro di 2 ore dal primo boot. Ciò che rende particolarmente noiosa questa condizione è che il vostro access point risulterà totalmente irraggiungibile via rete (non emette nemmeno pacchetti ARP verso la rete, per intenderci), per cui il ripristino è fattibile solamente attraverso il collegamento seriale per avere accesso diretto a RedBoot e quindi alle fasi iniziali di avvio del device. Vi è una quantità altrettanto nutrita di documentazione per poter accedere alla vostra Fonera via seriale, anche in questo caso vi indirizzo a un articolo completo e in italiano.

Riassumendo: mercoledì sera ho ricevuto La Fonera ma è stata inesorabilmente brickata dopo solamente 2 ore, giovedì ho studiato il problema con mio padre dal momento che è lui l'elettronico di famiglia (io non ci capisco molto e ogni tanto me ne pento), venerdì sono stati recuperati i pezzi necessari per la realizzazione dell'adattatore seriale (sono tutti componenti facilmente reperibili e il materiale necessario non dovrebbe costare più di 10€) e sempre in giornata è stata realizzata e infine sabato mattina è avvenuto il ripristino di quello che era diventato semplicemente un bel mattoncino bianco e grigio.

Una volta collegato il computer all'access point tramite l'interfaccia custom fresca di realizzazione e poi avviato ho capito subito il motivo per cui risultava del tutto irraggiungibile via rete anche nelle prime fasi di avvio di RedBoot: all'accensione, un avvertimento comunicava un errore di checksum dell'immagine sulla flash e subito dopo partiva alla ricerca di un server BOOTP che, dopo qualche secondo, falliva con il messaggio Can’t get BOOTP info for device interrompendo del tutto l'avvio di RedBoot a meno di non interagire in questa fase con la pressione di un tasto. In questo caso ricaricare l'immagine del firmware originale, come inizialmente ho tentato di fare, non serve a nulla perché in realtà bisogna inizializzare nuovamente la configurazione della flash attraverso il comando fconfig -i impostando i parametri che vi verranno richiesti. Riporto come esempio la mia configurazione:

  1. Run script at boot: true     (deve essere true, altrimenti RedBoot non avvierà boot script)
  2. Boot script:
  3. Boot script timeout (1000ms resolution): 10     (ritardo prima dell'esecuzione di boot script)
  4. Use BOOTP for network configuration: false    (impostiamo parametri statici per la rete, no BOOTP!)
  5. Gateway IP address: 192.168.1.100
  6. Local IP address: 192.168.1.206
  7. Local IP address mask: 255.255.255.0
  8. Default server IP address: 192.168.1.166
  9. Console baud rate: 9600         (velocità per collegamento seriale, lasciate questo valore)
  10. GDB connection port: 9000      (porta TCP per l'accesso telnet a RedBoot, lasciate questo valore)
  11. Force console for special debug messages: false
  12. Network debug at boot time: false

Il parametro boot script può essere lasciato vuoto perché a noi interessa semplicemente che si avvii normalmente RedBoot in modo da poter procedere con il flash di DD-WRT via ethernet tramite Ap51 (in questa fase il parametro verrà impostato automaticamente), opzionalmente potreste provare prima a lanciare manualmente il comando fis load -l vmlinux.bin.l7 seguito da exec per vedere se l'installazione di DD-WRT è ancora viva, io ho preferito ripartire da zero. Una volta salvate le impostazioni e riavviata La Fonera tramite il comando reset per verificare il normale funzionamento dell'avvio di RedBoot, potete spegnere e collegare access point e computer con il cavo ethernet e procedere alle normali operazioni di flashing tramite Ap51. Ecco un piccolo report fotografico dell'evento, tanto per documentare il tutto:

Il tavolo di lavoro allestito Inquadratura de La Fonera con l'interfaccia seriale collegata La nostra Prova iniziale per ripristinare il firmware originale: non serve a niente Configurazione di RedBoot sistemata, stiamo flashando DD-WRT con Ap51  ... ed ecco nuovamente il nostro AP funzionante, con DD-WRT

Ne approfitto per ringraziare mio padre (tanto so che mi legge) per la realizzazione della parte di interfacciamento seriale, costruita tra l'altro pensando alla compatibilità con l'NSLU2 il cui collegamento seriale, rispetto a La Fonera 2200, ha semplicemente TX e RX invertiti, ecco spiegati i due jumper visibili sulla schedina nella seconda foto.

Musica per le mie orecchie: AKG K701

AKG K701

A me piace la musica: ascolto di tutto o quasi, ma l'importante è che mi piace ascoltare bene e possibilmente in cuffia. Di sicuro non posso considerarmi un audiofilo, però penso di capirci qualcosa e di avere un orecchio un po' viziato per la qualità e decentemente allenato per i dettagli. Nonostante non mi mancassero delle buone cuffie, da qualche mese ne avevo adocchiato un paio che mi sarebbe piaciuto possedere e cioè le K701, il modello di punta di AKG. La preferenza per AKG è quasi una tradizione dal momento che ho usato per alcuni anni un paio di K240 Studio (il modello di 20+ anni fa, non quello attuale che sembrerebbe suonare leggermente peggio) e nell'ultimo anno e mezzo un paio di K271 Studio, ma al tempo stesso si tratta di una scelta precisa visto che di solito le sue cuffie sono abbastanza bilanciate nella resa delle varie frequenze. Finalmente da qualche settimana il desiderio si è trasformato in possesso e dopo circa un centinaio di ore di ascolto posso confermarlo: queste K701 sono delle cuffie fenomenali, pressoché perfette.

Forse è bene partire dal presupposto che non si tratta di cuffie per tutti i gusti, probabilmente non sono adatte agli amanti del "basso potente" proprio per il fatto di essere delle reference molto equilibrate. Questo però non significa che i bassi siano assenti, al contrario sono ben presenti ma la differenza è che con queste cuffie riescono a risultare caldi e naturali ma soprattutto dannatamente precisi, non andando però a sovrastare la presenza delle altre frequenze. Personalmente sono sempre stato convinto che equalizzare all'esasperazione le basse frequenze o avere un impianto/cuffie sbilanciati molto verso di esse non voglia assolutamente dire asoltare musica, ma solo ed esclusivamente sentire casino. sono cuffie che hanno bisogno di un po' di pazienza per un burst-in iniziale se nuove (personalmente ci credevo poco ma sembrano essersi realmente slegate nel giro di una cinquantina di ore) e un po' di ore di ascolto per comprenderne pienamente le peculiarità sonore. Potremmo paragonare questa esperienza a quella che si prova quando ci si trova di fronte a un album musicale che magari non impressiona all'inizio ma che si riesce ad apprezzare sempre di più con il passare degli ascolti, fino a diventare uno dei vostri preferiti (a suo tempo mi è capitato con il concept album Metropolis pt.II - Scenes from a Memory dei Dream Theater, per fare un esempio).

AKG K701 con base d'appoggioUna delle caratteristiche principali è sicuramente l'ampia presenza scenica del suono che riescono a trasmettere, un po' per merito del tipo di cuffia che è a padiglione aperto ma anche per merito di un'ottima resa, precisa e limpida, delle medie e alte frequenze. Trattandosi di cuffie a padiglione aperto hanno il piccolo difetto, sempre che possa essere considerato tale, di non offrire un isolamento ottimale dai rumori d'ambiente esterni. Inoltre, non costringendo il suono all'interno del padiglione, chi vi sta di fianco può sentire senza problemi ciò che state ascoltando, anche se a basso volume. Tuttavia non c'è storia, il suono migliore e più vivo esce da questo tipo di cuffie e tornando indietro alle K271, che sono comunque delle cuffie estremamente buone ma a padiglione chiuso, le sonorità risultano palesemente ovattate e costrette se confontate direttamente con quelle delle K701 sugli stessi brani. Trattandosi comunque di cuffie di un certo livello e con una impedenza particolarmente elevata, occorre avere a disposizione un'uscita cuffia adeguatamente amplificata per cui un banale lettore portatile (che sia iPod o simili piuttosto che lettori cd walkman) di sicuro non riuscirà mai a pilotarle adeguatamente, in questo caso diventa indispensabile un amplificatore cuffie separato nel caso vogliate usarle per ascoltare i vostri brani in comodità in casa.

Sotto il profilo costruttivo, abbandonando quindi le doti puramente sonore, le K701 sono assemblate  indubbiamente molto bene e con buoni materiali. I pad, oltre ad essere sagomati con spessore variabile per permettere ai padiglioni di orientarsi con maggior efficacia, sono piuttosto morbidi e in velluto, una manna se indossate per tanto tempo le cuffie visto che i pad in pelle dopo un po' fanno sudare e diventano particolarmente fastidiosi d'estate. Il materiale plastico di assemblaggio sembra essere buono sia alla vista che al tatto. In generale sono cuffie leggere e piuttosto comode, anche se personalmente alla lunga trovo un filo fastidiosa l'imbottitura a cuscinetti sottostante alla fascia poggiatesta, un po' troppo dura probabilmente. Forse è solo una questione di gioventù della cuffia e probabilmente con il passare del tempo gli stessi cuscinetti si ammorbidiranno. Colpisce anche il look, magari un po' troppo palesemente iPod-ish ma sicuramente sono riusciti a fondere perfettamente il classico stile AKG con uno più stiloso ma elegante, senza esagerazioni.

Tirando le somme queste cuffie sono molto equilibrate, con un livello di dettaglio generale impressionante e con un suono vivo e naturale: riascoltando brani vari (da musica classica a progressive metal) in alcuni casi sono riuscito a cogliere particolari e sfumature che fino ad oggi mi erano sfuggiti. Tutto questo, unito al fatto di essere altrettanto ottime dal punto di vista costruttivo e a essere vendute in una confezione semplice ma di stile che racchiude anche una base d'appoggio apposita per non lasciarle in giro allo stato brado, le rende delle cuffie che rasentano la perfezione nella loro categoria e un ottimo acquisto. Il prezzo oscilla tra i 320€ e i 350€, non sono certamente spiccioli ma la loro qualità è direttamente proporzionale al loro prezzo, per cui sarete ampiamente ripagati dalle loro prestazioni se sapete apprezzare un certo tipo di ascolto.

Microsoft vs. Adobe: questioni di tecnologia o di simpatia?

Credo sia piuttosto evidente come di fatto il mercato delle applicazioni RIA sia attualmente un monopolio pressoché esclusivo di Adobe, tuttavia sono abbastanza convinto che la discesa in campo prepotente (tecnologicamente parlando) di Microsoft con Silverlight in questo settore sia destinata a far cambiare un po' l'attuale assetto di questo mercato. Non mi sto immaginando clamorosi ribaltamenti di fronte o sconvolgimenti incredibili, soprattutto non nell'immediato (mi ritengo realista e molto pratico), però è innegabile che nel fianco di Adobe si sia conficcata una fastidiosissima spina che tra l'altro ha già cominciato a creare un pò di prurito. Da parte di Adobe stessa arriva la mossa strategica, pochissimi giorni prima del MIX07 di Microsoft, di rendere FLEX open source e il fatto che si tratti più che altro di strategia è a parer mio piuttosto evidente poiché, pur trattandosi di un evento indubbiamente molto interessante (ben venga!), nella realtà il cuore della tecnologia e nello specifico il runtime Flash continuerà, almeno per ora, a rimanere chiuso e ben protetto. Ci sono tuttavia altri indizi che dimostrano un certo fastidio nel mondo Flash, questa volta da parte di un FLEX Evangelist che lavora per Adobe e che ha deciso di scrivere la sua sul confronto che si prospetta tra Flash e Silverlight. Riporto qualche stralcio giusto per commentare...

Leggi il resto di questo messaggio »