Ping? Pong! Spizzichi di Chrome, virtual machine, io, telecomandi e ruby

Per esserci ci sono... sì insomma, esisto ancora. Il fatto è che non avevo alcuna voglia di scrivere sul blog e mi scuso per questo, purtroppo però non riuscirò mai a rientrare nella logica blogorroica e spesso prettamente italica secondo cui l'assenza di un flusso costante di messaggi, possibilmente con cadenza giornaliera e magari anche quando da scrivere non si avrebbe proprio nulla, equivale a essere marchiati a fuoco come bloggher un po' scarsi. Oddio in effetti un po' scarso lo sono in questo senso (oso addirittura fregarmene delle statistiche!), però il fatto di non aver scritto per più di un mese non mi stupisce troppo dal momento che periodi simili mi sono capitati anche in passato in quel di usenet, quando ci bazzicavo una decina di anni fa. Tuttavia, in passato come oggi, il risultato finale è sempre lo stesso: rieccomi. Ah beh, che culo!

Digressioni & deliri messi da parte, ci terrei a confessarvi di avere una discreta quantità di argomenti utili e interessanti (spero) su cui scrivere, mi auguro di avere il tempo materiale per riuscire nell'impresa, prima però preferirei seguire un percorso riabilitativo al posting abbastanza dolce per cui... ecco il temibile tag <ul/>, una bella unordered list per voi:

  • Chrome. Google è un fenomeno del marketing, me lo fa pensare il fatto che tutti stiano andando pazzi per un browser che fondamentalmente... crasha. Ehi, però crashano i singoli tab, mica tutto il browser: accidenti scusate, allora è tutto ok posso unirmi al delirio generalizzato! 🙂 Ironie e crash a parte, il browser è veloce e in effetti v8 è una scheggia, magari non sempre sovraumana in tutte le circostanze come vorrebbero far credere con i benchmark studiati ad hoc ma si tratta comunque dell'engine ECMAScript/Javascript più performante attualmente in circolazione, lo sta dimostrando con dei fatti. Il browser in sè potrebbe non essere malvagio, ma magari ci rivedremo più avanti quando Google l'avrà sistemato ancora un po', avrà fatto uscire qualcosa di compilato anche per le altre piattaforme e magari, già che sono in ballo, avrà smesso di fare presunti pasticci con l'EULA. Per ora sulla mia macchina virtuale linux di sviluppo sono rimasti solo i sorgenti di v8 e il risultato della loro compilazione, mi interessano molto di più di tutto il resto.
  • A proposito di macchine virtuali, ho acquistato una VPS linux con SliceHost scegliendo il loro piano di base da 20$/mese. In seguito ho registrato un nuovo nome di dominio con Aruba (mi tornava comodo solo per la registrazione, infatti ho provveduto a cambiare immediatamente i nameserver autoritativi con quelli di SliceHost appena è stato possibile) e infine per gestire la posta ho creato un account di Google Apps sottoscrivendo il profilo standard nonché gratuito. Livello di soddisfazione: elevato, per ora. Ho diverse idee in testa, tra le varie figura anche la migrazione di questo blog (come del resto mi ripropongo da almeno due anni), ma ogni cosa avverrà a tempo debito.
  • Scusate se non ve l'ho mai detto, ma io è un linguaggio di programmazione grandioso. Dinamico, basato sulla prototipizzazione degli oggetti come Javascript, interamente orientato ai messaggi, totalmente privo di keywords, dannatamente curioso e divertente da scoprire. Ok è molto giovane, ci sono pochissime librerie e la documentazione non è propriamente aggiornata con lo stato dello sviluppo, inoltre è probabile che non sarà nemmeno la next big thing in programming (anche se non si sa mai), però vi assicuro che è un linguaggio molto divertente.
  • L'altro giorno ho acquistato il gadget allegato all'ultimo numero di Win Magazine (mai comprato in vita mia, sia chiaro): un telecomando IR per PC e Media Center, completo ovviamente di ricevitore USB. Semplice, sottile, 15€... ne volevo uno da tempo, ma non lo desideravo abbastanza intensamente da giustificare una spesa da 30€ o più. Peccato però che non sembri andare molto d'accordo con Zoom Player (da anni il mio player video per Windows preferito) per quanto riguarda la mappatura dei comandi. Fortunatamente però ZP è grande e può essere remotato in maniera piuttosto banale e documentata via TCP/IP oppure usando l'API SendMessage di Windows, per cui ho pensato: perché non sviluppare un'applicazione residente in background che ascolti i comandi provenienti dal mio bel telecomando e li traduca in comandi da inviare a ZP, mappando il tutto come diamine voglio io? Ci sto lavorando in C#, anche se il core è più lavoro di interazione con le API Win32 che altro. Qualche messaggio sull'argomento approderà anche su questi lidi.
  • Dalla saga del telecomando è scaturito quasi per caso un altro piccolo progetto, questa volta più generico e potenzialmente più utile anche ad altri. L'idea inziale per l'applicazione di cui vi ho accennato poco sopra prevedeva l'utilizzo integrale di IronRuby per la sua realizzazione, tuttavia mi sono accorto presto che le sue capacità di interop sono ancora particolarmente limitate per diversi aspetti (ecco perché ho scelto di usare C#). In compenso il codice che ho scritto per le prove mi ha portato all'idea di effettuare un porting per IronRuby del modulo Win32API distribuito nella standard lib dell'MRI, il tutto in onore di una sana compatibility-love. Dopo 3 giorni avevo già una prima versione funzionante come testimoniato da questo gist, ora inizia il lavoro di pulizia e ottimizzazioni che si concluderanno con il rilascio del tutto su GitHub e con una serie di post sul blog dedicati all'argomento dal momento che ci sono svariate considerazioni tecniche che potrebbero risultare particolarmente interessanti.

Per ora è tutto. Per ora...


Puoi scrivere un commento oppure inviare un trackback dal tuo sito.

1 commento a “Ping? Pong! Spizzichi di Chrome, virtual machine, io, telecomandi e ruby”

  1. Gravatar
    David ha detto:

    Ciao!
    senti, mi scuso per il disturbo, ma te hai i driver di questo telecomando acquistato con win magazine?
    Sto impazzendo, una volta me lo rileva, e 1000000 no!
    se per caso hai una soluzione contattami, grazie!!!

Lascia un commento

Puoi utilizzare i seguenti tag XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>